classiche

I parafanghi, guarda i parafanghi

I telai da donna fatti così sono chiamati “rondinella” o hirondelle per dirla alla francese. A me sono sempre piaciuti molto questi telai con quei due tubicini che scendono. Ho senz’altro calcato la mano con questo turchese con i bordini oro, ma questa bici ha il nome di mia nonna e dunque doveva essere un po’ un sogno.

  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed Brooks saddle slender grips
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed paracatena gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed parafanghi martellati hammered fenders Velo Orange
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed guarnitura gipiemme pedali Lyotard
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed, telaio Atala rondinella, guarnitura Gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed, telaio Atala rondinella, guarnitura Gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed, telaio Atala rondinella, guarnitura Gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed, telaio Atala rondinella, guarnitura Gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed, telaio Atala rondinella, guarnitura Gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed, telaio Atala rondinella, guarnitura Gipiemme
  • Fata La Parisienne woman city bike singlespeed Velo Orange hammered fenders

Finita a novembre 2014

Componenti
  • telaio Atala “rondinella” (anni 80)
  • guarnitura Gipiemme Dual Sprint 42 t
  • pedivella sx Ofmega
  • paracatena Gipiemme
  • mozzi Miche
  • manubrio Pinarello ad ali di gabbiano
  • manopole Brooks royal blue
  • leve freno Dia-Compe MX-122
  • parafanghi martellati Velo Orange USA
  • sella Brooks B17 royal blue
  • pedali Lyotard n. 460 course (France)
  • copertoni Schwalbe 700 x 30
  • freni Sacconi
  • cerchi made in Italy
  • pignone Dicta 3/32″ – 18 t
Showing 7 comments
  • Diego
    Rispondi

    Stupenda la FATA e di gran classe. Lieto di averla vista in lavorazione. alla fine vedo che sei riuscito a far passare i copertoni che sotto ai parafanghi, al pelo ma ci passano. Bellissimi anche i pedali Lyotard. Merveilleux vélo. vive la France et vive Léo!

  • Matteo
    Rispondi

    Bellissimi i parafanghi

  • Simone
    Rispondi

    la mia preferita

  • FRANCESCO AMICARELLI
    Rispondi

    FAVOLOSA. DA SOGNO QUANTO E’ BELLA.

  • Maria
    Rispondi

    Che classe! Un bici favolosa da colpo di fulmine. Bravo Leonardo un vero artigiano amante della bellezza e dello stile.

  • Giorgio
    Rispondi

    buongiorno, potrei chiederle dove ha trovto le leve per i freni ?
    Sto restaurando un telaio identico, ispirandomi alla sua, ma solo che utilizzero dettagli marrone….su telaio grigio metallizzato.
    Inoltre se volesse consigliarmi su come fare i filetti di controrno, le chiederei grazie immensamente.

    Un cordiale saluto
    Giorgio Massidda

    • CICLICO
      Rispondi

      Buongiorno Giorgio,
      le leve per i freni sono le Dia Compe MX-22 che puoi trovare facilmente con una veloce ricerca su Google. Devi solo stare attento al diametro del tuo manubrio perché queste leve freno vanno bene per manubri standard da 22,2 mm.
      E considera che sono leve freno che si azionano con due sole dita, per cui valuta anche la comodità per la mano della proprietaria della bici.
      Sui filetti oro non posso purtroppo consigliare nulla, se non (di trovare) un buon verniciatore artigiano, vecchio stampo, che te li faccia a mano! Sono attività sempre più difficili da trovare, purtroppo. E chi le fa, giustamente, costa.
      In bocca al lupo per il tuo restauro. Ciao.

Leave a Comment

contattami

Adesso non sono qui, ma puoi mandarmi una mail e ti risponderò appena possibile

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt
Gipiemme, Campagnolo Record 1963, BLB moustache, Dia Compe, Brooks, Nisiciclico, urban bike, café racer, telaio scapin, singlespeed, bike resyling, bike restore