Hipster o fricchettone?

Di questo custom work ricordo soprattutto la scelta del freno davanti, un Paul Component. L’ho preso direttamente in California e il dettaglio che mi fa diventare matto è la Moon Unit.. che figata. Sì, ma cos’è la Moon Unit? Guardate bene.

Finita a gennaio 2015 

Componenti
  • telaio in acciaio a congiunzioni
  • tg 52 – tubi Columbus
  • guarnitura Campagnolo G.S.
  • corona Gipiemme pista 47 t
  • pedali MKS
  • mozzo anteriore Atala / FB
  • mozzo posteriore Velosteel con freno contropedale – 18 t
  • reggisella Shimano 600 (da 27.2)
  • sella Brooks Cambium C15 rust
  • parafanghi in mogano Officine Milani Firenze
  • manubrio in mogano Officine Milani Firenze
  • leva freno Paul Comp “cross lever”
  • pinza freno Paul Comp “racer”
  • reggicavo Paul Comp “moon unit”
  • guida cavo Paul Comp “funky monkey”
  • copertoni Michelin
  • serie sterzo Tange Japan
Com'era

14 pensieri su “C-Klope

  1. Elisabetta dice:

    UNO SPETTACOLO……..AVEVO IMMAGINATO CHE LE FINITURE IN LEGNO FOSSERO DI OFFICINE MILANI…………..BRAVISSIMO LEO

  2. Max dice:

    Caspita Leo, veramente ogni tua bici è come un’ opera d’arte, irripetibile! Questo dà un valore aggiunto ad ogni tua realizzazione che è un vero mix di colori, pezzi e geometrie, il tutto armoniosamente equilibrato, come un vero corridore. Max

  3. Alberto dice:

    Wow!
    Leo, questa e’ la bici piu’ hipster che abbia mai visto, a NYC andrebbero a ruba!!
    Continua cosi, sei un grande!!
    (prima o poi me la faccio anch’io, contaci)

  4. 3.2 dice:

    Bravo Leo, come sempre hai saputo dare un tocco di design ad un mezzo che risale ai nonni dei nostri nonni. Poesia di colori, eleganza dei dettagli e stile inconfondibile made in Ciclico. Viene voglia di farci una pedalata anche con la pioggia di oggi, perché se è vero che l’ipotesi più attendibile rimane oggi quella secondo cui i Ciclopi, antichi fabbri, fossero in realtà degli artigiani emigrati da oriente fino alle isole Eolie dove si sono trovate tracce della lavorazione dei metalli, con questo telaio infrangere delle banali pozzanghere sarebbe tutt’altro che un’impresa C-Klopica !! CICLICO è Ciclomitologia delle due ruote !!

  5. Matteo dice:

    Beh che dire….è la mia bici ed è la più bella del mondo!

    La passione, la precisione, la competenza di Leonardo ha reso possibile questo capolavoro…sfrecciare per le piste ciclabili di Berlino facendo lo slalom tra i turisti e sotto l’occhio attento ma discreto di molti appassionati ciclisti tedeschi che mi inseguono affiancandosi al primo semaforo rosso per scrutarla in ogni dettaglio è una grande soddisfazione

    Appena scatta il verde….via…è un missile …è C-Klope ma ci vede benissimo!

  6. Massimo dice:

    CICLICO sempre un passo avanti!
    Una nuova bellissima creatura dalle precise ed attente mani di Leonardo.
    Veramente complimenti.
    Un sincero apprezzamento per questa tua nuova stupenda creatura.
    Con la speranza di poter avere un giorno un tuo prezioso ciclo!

  7. OFFICINEMILANIFIRENZE dice:

    Complimenti sinceri Leonardo, l’ attenzione che rivolgi ad ogni singolo dettaglio rende le tue bici uniche. Ti auguro di incontrare tante persone in grado di apprezzare il tuo lavoro.

  8. COSTANTINO INTREVADO dice:

    Sei sempre il più grande Leonardo!!!
    Si sta avvicinando il giorno in cui ti verrò a trovare.
    Costantino.
    P.S. Subito su Pinterest.

  9. Diego dice:

    La prima frase che mi sovviene è “opera d’arte”, la cura maniacale e il buon gusto la fanno da padrone.
    Mi piace molto l’accostamento del legno e acciaio, il mix dei colori usati sembra un vestito su misura .
    Che dire, mi piace !
    Bravo Leo

  10. Diego dice:

    Capolavoro di acciaio e legno dalle linee essenziali, dritte e severe e nei suoi colori tinta ruggine scuro, sembra sfilare perfettamente a suo agio fra la Porta di Brandeburgo e le linee ipermoderne della capitale teutonica. Futuro e tradizione a braccetto. In questa stupenda bici single speed, l’accorgimento dei parafanghi e del manubrio in legno mi piace moltissimo, perchè ingentilisce l’aspetto di questo moderno ciclope con un tocco di “passato”, cosi come l’arancione alternato delle forcelle anteriore e posteriore, che la alleggerisce e la dona una veste più aggressiva e accattivante all’occhio. Abbinamento efficace!
    Un altro eccellente risultato del tuo gusto estetico e della tua abilità di artigiano/artista, caro Leo. Le tue biciclette non sono solo bellissime da vedere, ma sono sempre allestite con componentistica di altissima qualità, come ho potuto leggere dalla descrizione nella colonna qui a sinistra. Magnifica agli occhi, ma che immagino sia anche fluida e reattiva per la difficile guida cittadina.
    Beato il tuo amico Matteo per il luogo in cui vive, per la professione che svolge e – non ultimo – per questo gioiello italico che non tarderà a farsi invidiare ed ammirare nel Cuore d’Europa.
    Leo und CICLICO über alles

  11. Sabine dice:

    che dire, bellissimo l’accostamento dei colori e spettacolare in ogni dettaglio, ovvio che a Berlino gliela invidiano tutti!

  12. RIZZ dice:

    Vista di persona a Berlino.
    Dal vivo i colori sono ancora più affascinanti e il contrasto fra il design moderno e il legno…super.
    La bici giusta per quella città.
    Bravi!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *